Avete mai sentito parlare delle parole di sicurezza durante il sesso? Se la risposta è no, è arrivato il momento di farlo, perché può dare una svolta alla vostra vita sessuale e permettervi di essere più spontanei e creativi, in modo più sicuro. Non esiste una formula segreta per diventare bravi nel sesso. Certo, la pratica rende perfetti, ma si tratta anche di trovare i ritmi, le posizioni e le cose che si sentono giuste per voi e per tutti coloro che partecipano all'incontro, indipendentemente dal fatto che sia tutto molto vaniglia o che siate il tipo che preferisce provare cose nuove ogni volta che può. È anche vero che ci sono cose che possono aiutarvi a essere e ad avere incontri più soddisfacenti (il che non significa che avrete sempre orgasmi, non si tratta sempre di questo), ed è qui che entrano in gioco le Safe Words.

Sono state utilizzate per la prima volta nel contesto del BDSM (se avete visto Cinquanta sfumature di grigio, probabilmente conoscete meglio questa e Safe Words), ma possono funzionare anche se siete amanti della posizione del missionario in tutte le sue varianti e forme.

 

Cosa sono le parole sicure nel sesso?

In pratica, le parole sicure si riferiscono a una parola o a una frase che si usa durante il sesso, per mettere fine a qualsiasi cosa stia succedendo, spiega Megan Stubbs, autrice del libro Playing Without a Partner: A Singles' Guide to Sex, Dating, and Happiness. L'importante è che sia una parola che non si usa normalmente durante gli incontri sessuali (come quelli che puoi fare sul sito di incontri lafrusta.it), per evitare confusione e fraintendimenti.

 

Perché è importante usare parole di sicurezza?

Oggi c'è molta più apertura nei confronti del sesso, le persone sono più disposte a provare cose nuove, a sperimentare e a cercare modi per mantenere la loro vita sessuale attiva e variegata, anche se rimangono nel regno dell'essenziale, del familiare e del sicuro. Ma anche quando c'è la volontà e il desiderio di fare qualcosa di nuovo, sappiate che ognuno ha un limite e non necessariamente godrà di tutto ciò che accade durante il sesso. Alcune cose non sono così gravi (un problema di ritmo o un movimento sbagliato possono essere corretti), ma ce ne sono altre che vi faranno venire voglia di smettere.

L'idea delle Parole sicure è quella di creare un maggiore senso di sicurezza e di far sì che tutti sappiano quali sono i limiti di ciò che stanno facendo e che se le cose sfuggono al controllo o non sono più piacevoli, ci si fermi lì. Si tratta di dare il controllo alle persone coinvolte. È importante avere una buona comunicazione, prima, durante e dopo il sesso, e far sapere al partner quando qualcosa non va bene o non vi piace, ed è a questo che servono le parole di sicurezza. L'obiettivo è stabilire rispetto, confini chiari e un "meccanismo di fuga".

Naturalmente si può dire "no" o "stop", ma lo scopo della parola di sicurezza è creare un accordo, scegliere insieme la frase da usare e stabilire le regole, in modo che tutto sia più chiaro e meglio compreso.

 

Come scegliere la parola sicura?

La prima cosa da fare è parlare con il partner, spiegare quali sono le parole sicure e sceglierne una insieme. La maggior parte delle persone usa l'analogia del semaforo, usando il verde per continuare, il giallo per rallentare un po' e il rosso per interrompere l'azione, ma può essere qualsiasi cosa, purché non sia qualcosa che viene normalmente menzionato durante il sesso.

È preferibile che si limiti a una parola breve, facile da pronunciare e chiara, evitando tutto ciò che potrebbe essere confuso o difficile da capire. E dovrebbe essere qualcosa che si possa ricordare facilmente, in modo da non doverne scegliere uno ogni volta che si fa sesso.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.