Un gruppo di ricercatori ha recentemente esaminato la prevalenza della disfunzione erettile. Hanno anche valutato le prove della sua associazione con le malattie cardiovascolari e la mortalità. La disfunzione erettile sembra essere comune, ma esattamente quanto comune è ancora oggetto di dibattito.

 

Cos’è esattamente la disfunzione erettile?

La disfunzione erettile si riferisce all'incapacità di produrre o mantenere un'erezione che è abbastanza solida per avere un rapporto sessuale. In alcuni casi, la disfunzione erettile può essere un segno di un problema medico sottostante, come la pressione alta o l'obesità. In altri casi, la forza motrice potrebbe essere psicologica. Anche se si pensa che la disfunzione erettile sia relativamente comune, la sua esatta prevalenza è stata difficile da accertare; gli studi hanno prodotto una vasta gamma di risultati. Questo è dovuto a una serie di ragioni, non ultimo perché la definizione di cui sopra è soggettiva.

Recentemente, un gruppo di ricercatori si è proposto di avere un'idea più chiara dei numeri che stanno dietro a questa condizione. Volevano anche ottenere una migliore comprensione di come la disfunzione erettile potrebbe essere collegata alle malattie cardiovascolari e alla mortalità. Il gruppo ha recentemente pubblicato i loro risultati nella rivista BJU International.

 

Perché questa variazione?

Gli autori hanno anche studiato come i diversi modi di valutare la disfunzione erettile hanno influenzato i risultati. L'International Index of Erectile Function è uno strumento basato su un questionario. Gli studi che hanno usato questo particolare metodo hanno trovato tassi di prevalenza del 13,1-71,2%. Un'altra misura standard della disfunzione erettile è un questionario che è stato originariamente progettato per il Massachusetts Male Aging Study. I documenti che hanno usato questo metodo hanno prodotto una gamma di 15,5-69,2%.  Anche se i due metodi di cui sopra sono i più comuni, alcuni studi hanno utilizzato altri strumenti meno comuni. Gli studi che avevano usato questi hanno prodotto risultati con la maggiore disparità, fornendo sia i tassi di prevalenza più bassi che quelli più alti (3% e 76,5%).  Questo dimostra che il tipo di strumento usato dai ricercatori probabilmente influenza i risultati. Mostra anche che, indipendentemente da come viene misurata la disfunzione erettile, gli studi raggiungono conclusioni enormemente diverse. Gli autori hanno anche riportato i risultati raggruppati per regioni geografiche:

  • Europa: 10-76,5%
  • Asia: 8-71,2%
  • Oceania: 40,3-60,69%
  • Africa: 24-58,9%
  • Nord America: 20,7-57,8%
  • Sud America: 14-55,2%

Questa disparità tra le regioni è probabilmente dovuta a una vasta gamma di influenze, tra cui fattori ambientali, genetici e di stile di vita. Inoltre, le norme culturali potrebbero influenzare il fatto che un individuo si senta a proprio agio nel segnalare una disfunzione erettile. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che i fattori di rischio più significativi per la disfunzione erettile includono l'età, l'obesità, il diabete, la depressione, il forte consumo di alcol e il fumo.

Come curare la disfunzione erettile in modo naturale

Sempre più spesso, quando la disfunzione erettile può essere facilmente trattabile, ci si rivolge agli integratori naturali. Gli integratori sessuali a base di sostanze vegetali concentrate influiscono positivamente sulle funzioni erettili e migliorano di gran lunga i sintomi legati alla disfunzione erettile. Clicca qui per scoprire quali sono i migliori integratori sessuali.

 


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.